Uno scrittore non muore mai veramente.

E forse ci sembra di vederlo, seduto, con il mare alle spalle e la testa appoggiata alla mano, gli occhiali da sole e l’espressione di uno che deve risolvere un problema. Non è una cosa improvvisa ma non si è mai preparati a scoprirsi orfani. Montalbano ha perso il suo papà, la sua forza e le sue intuizioni, ha perso il futuro e guadagnato l’immortalità fatta di parole già scritte. Uno scrittore non muore mai veramente e Andrea Camilleri ha lasciato infinite parti di anima, cuore e passione che rileggeremo per sempre in quei personaggi che ne attenderanno invano il ritorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...